Legge di bilancio e credito di imposta per le imprese editrici

Editoria: un aiuto dalla legge di bilancio 2021

La legge di bilancio 2021 (Legge n.78/2020) ha introdotto un sostegno per le imprese appartenenti al mondo dell’editoria, la cui crisi è stata acuita dalla pandemia in atto.. Tra l’introduzione di nuove misure e il rifinanziamento di quelle già esistenti, sono stati stanziati 200 milioni di euro per il prossimo biennio.

Bonus pubblicità

Grazie a questo bonus verrà concesso un credito d’imposta pari al 50% del valore degli investimenti pubblicitari effettuati da imprese, lavoratori autonomi o enti non commerciali sulla stampa quotidiana e periodica, sia cartacea che online; nessun contributo, invece, per coloro che acquistano spazi pubblicitari su radio o televisioni locali.

Per accedere al bonus gli interessati dovranno

  • Prenotare il proprio accesso al bonus tramite un’istanza da presentarsi all’Agenzia delle Entrate nel periodo compreso tra l’1 e il 31 marzo 2021.
  • presentare tra l’1 e il 31 gennaio 2022 la dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati, al fine di appurare che gli investimenti indicati nella domanda di accesso siano stati realmente realizzati.

Fatti questi due passaggi, entro marzo 2022 il dipartimento per l’Informazione e l’Editoria comunicherà l’elenco di tutti gli ammessi al credito.

Credit Tax Edicole

Il contributo economico previsto  a beneficio delle edicole è stato introdotto sotto forma di credito d’imposta e spetterà esclusivamente alle edicole e alle imprese di distribuzione della stampa che assicurano la fornitura di giornali e quotidiani alle rivendite situate nei comuni con popolazione inferiore a 5000 abitanti e nei comuni dotati di un solo punto vendita.
La misura prevede un contributo massimo di 2.000 euro che verrà concesso sotto forma di detrazione dagli importi pagati di IMU, TASI, COSAP, TARI e dalle spese di locazione che il sostenute dal commerciante nell’esercizio della propria attività.

Il credito d’imposta sarà utilizzabile esclusivamente in compensazione attraverso il modello F24.

Credito d’imposta per i servizi digitali

Questo beneficio consiste in un credito di imposta pari al 30 per cento delle spese sostenute dalle Case Editrici per l’acquisizione di servizi di server, hosting e manutenzione evolutiva per le testate edite in formato digitale e per information technology di gestione della connettività. Per accedere al beneficio occorre presentare un’istanza al dipartimento per l’Editoria e l’Informazione. Anche in questo caso il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione attraverso il modello F24.

Bonus per acquisto abbonamenti quotidiani

Grazie a questo bonus le famiglie con un ISEE inferiore a 20.000 euro potranno beneficiare di un contributo pari a 100 euro per acquistare abbonamenti a quotidiani, riviste o periodici, sia cartacei che in formato digitale. Le modalità di accesso al bonus verranno delineate nei decreti attuativi del Presidente del Consiglio o del sottosegretario all’Editoria, da emanarsi entro il 31 gennaio 2021.

Condividi
Cart
Your cart is currently empty.