I modelli di previsione della crisi aziendale

Nel nuovo codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza è prevista l’introduzione nell’ordinamento giuridico italiano del sistema di allerta.

Il sistema di allerta si baserà sulla valutazione di determinati indici economici-finanziari e ha l’obiettivo di far emergere in tempo utile una possibile crisi aziendale.

Il Consiglio Nazionale dei Commercialisti e degli esperti contabili (CNDCEC) ha elaborato gli indicatori della crisi d’impresa utili per il sistema di allerta. Gli elementi principali valutati sono il patrimonio netto e il debt service coverage ratio.

Il patrimonio netto indica lo stato di crisi quando è negativo o se scende al di sotto del limite legale.

Il debt service coverage ratio indica uno stato di crisi quando è inferiore a 1.

Se non sono calcolabili gli indici principali si valutano altri cinque indicatori:

– l’indice di sostenibilità degli oneri finanziari;

– l’indice di adeguatezza patrimoniale;

– l’indice di ritorno liquido all’attivo;

– l’indice di liquidità;

– l’indice di indebitamento previdenziale e tributario.

Il CDCEC ha individuato delle soglie di criticità per ogni indicatore e per esserci stato di crisi tutte e cinque gli indicatori dovranno superare tali soglie.

I modelli di previsione dettati dal CDCEC si basano su un orizzonte predittivo di sei mesi, ma sono stati elaborati altri modelli predittivi della crisi aziendale aventi orizzonte di più breve periodo che permettono quindi di intervenire in maniera più rapida rispetto a quanto possa farsi utilizzando gli indicatori individuati dal CDCEC. 

Modello Z-Score

Il modello Z-Score è stato ideato da Edward I. Altaman e fornisce la probabilità di insolvenza entro un anno a decorrere dal bilancio analizzato.

Il modello di Altaman si basa un’analisi multivariata degli indicatori di bilancio. La formula utilizzata è la seguente: Z=6,56A+3,26B+6,72C+1,05D

e solo le imprese che hanno Z-Score superiore a 2,99 vengono dichiarate sane, mentre quelle che hanno un valore inferiore a 1 vengono dichiarate fallite; tutte le altre che hanno un valore compreso tra 1 e 2,99 vengono inserite nella cosìdetta zona di ignoranza.

Gli indicatori più significativi usati da Altman sono:

A= Capitale circolante netto/ Totale attivo

B= Utili non distribuiti/ Totale attivo

C= Reddito operativo/ Totale attivo

D= Valore di mercato dell’equity/ passività totali

Modello di William H. Beaver

Modello di Alberici

Modello di Argenti

Modello di Appetiti

Modello di Forestieri

Dott.ssa Antonella Beringheli

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA?

Consulenza telefonica
e consulenza via email

Ottieni una consulenza telefonica o via email da un nostro consulente qualificato quando ti è più comodo.
29
PACCHETTO BASE
Consulenza telefonica
  • 20 minuti di consulenza
  • Prenotazione online
  • Scelta del giorno e dell'orario.
  • Nessuna attesa
49
PACCHETTO BASE
Consulenza via email
  • riposte scritte
  • invio documentazione
  • Prenotazione online
  • Nessuna attesa
RICHIESTA MAGGIORI INFORMAZIONI

Richiedi un preventivo gratuito

Contattaci tramite telefono [334 1695918], email [contact@consulenza-pranzo.it] o compila il form sottostante. In breve tempo comunicheremo via email il preventivo personalizzato.