E-commerce, uno strumento fondamentale

Il ruolo del digitale è sempre di più crescente.

I dati lo dimostrano e pongono all’attenzione il fatto che la vendita diretta sebbene sia  molto importante oggi non è sufficiente. 

A dimostralo in modo molto chiaro è una ricerca di McKinsey. Da questa emerge quanto sua importante per ogni business riuscire a creare scenari multipli di collegamento e d’interazione con la clientela.

Una urgenza e necessità che è stata potenziata dal Covid 19.

Alla luce della rilevanza che oggi la tecnologia ha nell’economia si evidenzia come si sia delineata la crescita del peso e del ruolo dell’e-commerce sui consumi.

Inoltre, la funzione dell’e-commerce emerge come fattore cruciale per garantire l’ampliamento del bacino di utenza.

Dati questi elementi e presupposti, si decreta che la sola strutturazione di un e-commerce non risulta però sufficiente. Risulta, quindi, necessario delineare e pianificare una serie di azioni correlate.

Tra queste si pongono anche alcune azioni da mettere in pratica.

SOCIAL MEDIA – Creare un insieme di pagine social come Instagram e Facebook è fondamentale. Sono sempre più utili anche Pinterest, Tik Tok, LinkedIn, il canale YouTube. Questo varia anche seconda del tipo di business, con l’obiettivo di aumentare la visibilità online.

SITO WEB – Valutare lo sviluppo e creazione di un sito web internet: bisogna considerare i pro e contro di realizzarne comprendendo se [e come] possa essere d’aiuto anche l’implementazione di un e-commerce da agganciare al website.

METODI DI PAGAMENTO – Diventa efficace presentare molteplici forme di pagamento. Di particolare uso emergono Paypal, carte di credito, pagamenti via app, link. Le forme di pagamento dovranno, a loro volta, essere sempre più numerose, semplici e veloci. Devono riuscire a  spingere il cliente a tornare ad acquistare.

SOFTWARE E HARDWARE – Bisogna [molte volte] anche selezionare un software di CRM (Customer Relationship Management) poiché potrebbe rappresentare un utile investimento. Serve per comprendere  e gestire i dati sia dei clienti attuali che dei prospect. In generale, l’investimento in software decreta anche l’acquisto di minime attrezzature hardware per poter poter svolgere le nuove mansioni.

COMUNICAZIONE – Migliorare, ottimizzare e accrescere l’interazione e la comunicazione con i clienti. L’impiego di strumenti di chat, messaggistica, e-mail deve essere considerato alla luce della crescita delle domande e delle richieste di informazioni, della necessità di servizio e dell’assistenza clienti. Risulta necessario investire sulla comunicazione e sulla customer retention. Servono per rassicurare il cliente e creare nuova fiducia nel visitare il negozio o l’attività commerciale. Necessari anche interventi in merito alla tutela della privacy in ottica GDPR.

LOGISTICA – Risultano molte le opportunità online e queste non includono non solo l’e-commerce, ma prevedono anche la registrazione ai marketplace. Entrambe queste attività richiedono l’attivazione di un servizio di consegna. In tal senso non si può sottovalutare lo sviluppo e la pianificazione delle fasi di confezionamento, consegna e reso.

RISORSE UMANE – Identificare il proprio capitale umano come “lavoro flessibile” significa attuare un investimento in formazione dei dipendenti anche in aree utili a delle riorganizzazioni interne, allo smart working, ai cambiamenti di mansione. Sono investimenti che si connotano anche come incentivo per il personale per minimizzare i rischi e renderli più flessibili.

MULTICHANNEL – L’implemementazione dell’ecommerce non elimina totalmente le vendite offline in negozio. I due sistemi devono essere integrabili e complementari. Questo deve accadere perchè un potenziale cliente potrebbe, per esempio, scegliere il tuo modello del prodotto online, confrontare i prezzi, e recarsi in  negozio [tecnica si chiama O2O online].

Condividi
Cart
Your cart is currently empty.