Bisogno di aiuto?

Ricorso tributario (consulenza online)

39,00 €

Il pacchetto serve a tutti coloro che hanno, a torto o ragione, una contestazione o un contenzioso con l’agenzia delle entrate, agenzia delle entrate riscossione (equitalia) o gli enti statali (INPS, INAIL) e non (Comuni, Province o Regioni) per il pagamento di imposte dirette o indirette o delle svariate tasse che ci assillano.

!! Consulta i pacchetti !!

Pacchetto
  • Entry - (15 minuti consulenza telefonica)
  • Standard - (30 minuti consulenza telefonica + verifica 1 atto)
  • Premium - (30 minuti consulenza telefonica + verifica posizione)

  • Pagamento sicuro Pagamento sicuro
  • Scegli subito il tuo orario Scegli subito il tuo orario
  • Aspetta il tuo appuntamento telefonico Aspetta il tuo appuntamento telefonico

Il contenzioso tra lo stato e il cittadino o tra lo stato e l’impresa è il contenzioso con maggiore crescita in Italia ed è chiaro che si rende sempre più urgente e necessario avere una consulenza rapida e competente su diversi aspetti che possono riguardare prescrizioni, decadenze, diritti a procedere, sanzioni, more e interessi. I consulenti di questo pacchetto trattano professionalmente e abitualmente contestazioni e contenziosi tributari e sono in grado di rendere pareri telefonici o valutazione più approfondite di atti, diritti o contenziosi.

Pacchetto Entry

 Consulenza telefonica di 15 minuti

Il pacchetto è per chi ha ricevuto una cartella esattoriale da parte di Equitalia, un avviso di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate o un avviso di addebito INPS e desidera avere veloci chiarimenti in ordine ai termini e alle modalità di presentazione di un’eventuale istanza di autotutela o di sospensione legale della riscossione, piuttosto che di un vero e proprio ricorso tributario.

Pacchetto Standard

 Consulenza telefonica di 30 minuti

 Verifica 1 atto

Il pacchetto è per chi ha necessità di ricevere una prima valutazione in ordine alla eventuale decadenza e/o prescrizione delle imposte richieste dall’Agenzia delle Entrate, da Equitalia (Agenzia Entrate Riscossione) o INPS e sulla conseguente convenienza di procedere tramite istanza di autotutela, istanza di sospensione legale della riscossione oppure tramite ricorso dinanzi alla Commissione Tributaria Provinciale competente. La conferenza telefonica avrà luogo non prima di 3 giorni lavorativi dall’invio della documentazione specifica da allegarsi al momento dell’acquisto del servizio.

Pacchetto Premium

 Consulenza telefonica di 30 minuti

 Verifica posizione

Il pacchetto è per chi ha necessità di ricevere una prima valutazione in ordine alla posizione globale del contribuente per valutare nel complesso eventuali decadenze e/o prescrizioni delle imposte richieste dall’Agenzia delle Entrate, da Equitalia (Agenzia Entrate Riscossione) o INPS e sulla conseguente convenienza di procedere tramite istanza di autotutela, istanza di sospensione legale della riscossione oppure tramite ricorso dinanzi alla Commissione Tributaria Provinciale competente. La conferenza telefonica è necessaria per per spiegarti perché è il caso di fare ricorso e avrà luogo non prima di 5 giorni lavorativi dall’invio della documentazione specifica allegata al momento dell’acquisto del servizio.

Nel caso in cui si ritenga di aver ricevuto un atto illegittimo e/o infondato emesso dalla Pubblica Amministrazione, quindi dall'Agenzia delle Entrate, da Equitalia o da un altro ente pubblico, è possibile attivarsi presentando, entro termini determinati e a certe condizioni, un’istanza di sospensione legale della riscossione, un’istanza di autotutela oppure un vero e proprio ricorso dinanzi alla Commissione Tributaria Provinciale. L’istanza di autotutela è volta ad ottenere da parte della Pubblica Amministrazione l’annullamento degli atti dalla stessa emessi in quanto illegittimi o infondati. In particolare, le ipotesi che possono giustificare un’istanza di questo tipo errore di persona; evidente errore logico o di calcolo; errore sul presupposto dell’imposta; presenza di doppia imposizione; mancata considerazione di pagamenti d’imposta, regolarmente eseguiti; mancanza di documentazione successivamente sanata, non oltre i termini di decadenza; sussistenza di requisiti per usufruire di deduzioni o regimi agevolativi, precedentemente negati; errore materiale del contribuente facilmente riconoscibile dall’amministrazione. L’istanza di sospensione legale della riscossione, invece, è volta ad ottenere da Equitalia la sospensione della riscossione degli importi indicati in una cartella esattoriale nel caso in cui le somme richieste dall’ente creditore siano state interessate da: pagamento effettuato prima della formazione del ruolo; provvedimento di sgravio emesso dall’ente creditore; prescrizione o decadenza intervenute prima della data in cui il ruolo è stato reso esecutivo; sospensione amministrativa (dell’ente creditore) o giudiziale; sentenza che abbia annullato in tutto o in parte la pretesa dell’ente creditore, emessa in un giudizio al quale l'Agenzia delle entrate-Riscossione (fino al 30 giugno 2017 Equitalia) non ha preso parte. Il ricorso alla Commissione Tributaria può essere presentato da tutti i contribuenti che ritengono illegittimo o infondato un atto emesso dall’Amministrazione finanziaria nei loro confronti (tipicamente una cartella esattoriale, un avviso di accertamento dell’imposta, un atto di contestazione delle sanzioni o un avviso di liquidazione, oltre a tutti quelli previsti dall’art. 19 D. Lgs. 546/92) entro 60 giorni dalla notifica dello stesso, al fine di ottenerne l’annullamento per via giurisdizionale. L’instaurazione del contenzioso tributario prevede il pagamento di un contributo unificato proporzionale al valore dell’imposta contestata e la necessaria assistenza di un difensore (a meno che il valore della controversia sia inferiore a 3000 €).