bonus vacanze

Bonus vacanze e bonus bici 2020

 

BONUS VACANZE

Il Bonus vacanze, introdotto dal  Decreto Rilancio,  è un contributo di importo pari ad un massimo di 500 euro da utilizzare per soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed & breakfast in Italia. Può essere richiesto e utilizzato dal 1 Luglio al 31 Dicembre 2020.

 

Bonus vacanze: a chi spetta

Possono ottenere il “Bonus vacanze” i nuclei familiari con ISEE valido fino a 40.000 euro.

L’importo del bonus sarà modulato secondo la numerosità del nucleo familiare, in particolare:

  • 500 euro per nucleo composto da tre o più persone
  • 300 euro da due persone
  • 150 euro da una persona.

 

Bonus vacanze: come si richiede

Il bonus può essere richiesto e viene erogato tramite l’app IO, l’applicazione dei servizi pubblici scaricabile gratuitamente dagli store digitali; per ottenerlo è necessario che un componente del nucleo familiare sia in possesso di un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE 3.0 (Carta d’Identita Elettonica). Al momento della richiesta del bonus, infatti, si dovranno inserire le credenziali SPID e successivamente fornire l’ISEE.

 

Bonus vacanze: come si usa

Il Bonus attribuito al nucleo familiare richiedente sarà identificato da un codice univoco, a cui sarà associato anche un QR code da tenere sempre a disposizione sullo smartphone.

Questo dovrà poi essere comunicato all’albergatore, insieme al proprio codice fiscale, allorquando si dovrà procedere al pagamento del soggiorno alla struttura dove si sono trascorse le vacanze.

 Il bonus dovrà essere speso in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica ricettiva in Italia e sarà fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore, e per il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta, in sede di dichiarazione dei redditi, da parte del componente del nucleo familiare a cui viene intestato il documento di spesa del soggiorno (fattura, documento commerciale, scontrino/ricevuta fiscale).

Lo sconto applicato come “Bonus vacanze” verrà poi rimborsato all’albergatore sotto forma di credito d’imposta utilizzabile, senza limiti di importo in compensazione, o cedibile anche a istituti di credito.

 

 

BONUS BICI

Questo contributo previsto dal Decreto Rilancio sarà operativo a fine Agosto 2020, ma avrà effetto retroattivo, ovvero sarà possibile ottenere il rimborso su tutti gli acquisti fatti dal 4 maggio 2020 fino al momento di attivazione della piattaforma web di prenotazione, previa presentazione di fattura comprovante l’acquisto.

Il bonus bicicletta avrà durata fino al 31 dicembre 2020 e potrà essere richiesto una sola volta.

 

Bonus bici: chi può richiederlo

Possono accedere al bonus bici 2020 tutti i cittadini maggiorenni che hanno residenza (non il domicilio) nei capoluoghi di Regione, nelle Città metropolitane, nei capoluoghi di Provincia e nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti.

 

Bonus bici: come funziona

Il bonus potrà coprire fino al 60% della spesa sostenuta per acquistare il mezzo, fino ad un tetto massimo di 500 Euro.

I mezzi previsti dal Decreto che possono beneficiare del contributo sono le normali biciclette, anche a pedalata assistita e i veicoli per la micromobilità elettrica quali monopattinihoverboard e segway.

È previsto il rimborso, nelle stesse modalità, anche dell’utilizzo dei servizi di sharing mobility.

 

Bonus bici: come si ottiene

Il Ministero dell’Ambiente ha suddiviso l’operatività del bonus in due fasi distinte in attesa del rilascio dell’applicazione web che dovrà gestire l’intera procedura, previsto per fine agosto.

FASE 1: il cittadino potrà procedere all’acquisto a prezzo pieno della bicicletta o altro mezzo previsto dal Decreto, presso qualunque negozio fisico o online.

La fattura riportante tutti i dati relativi all’acquisto (dati relativi all’acquirente e il suo codice fiscale compresi) dovrà poi essere allegata all’istanza da inoltrare tramite la piattaforma web; non appena questa sarà operativa, accedendo tramite le proprie credenziali SPID, si otterrà il rimborso del 60% della spesa totale.

FASE 2, operativa dal momento di rilascio della piattaforma web: il cittadino acquista e paga direttamente al negoziante il 40% del prezzo. Sarà poi cura del venditore ricevere dallo Stato il rimborso del 6o% di sconto applicato. Il buono mobilità potrà essere fruito attraverso un buono spesa digitale che il cittadino genererà sull’applicazione web. Sarà cioè necessario indicare sulla piattaforma il mezzo o il servizio che si intende acquistare e la piattaforma genererà il buono spesa elettronico da consegnare al fornitore autorizzato, insieme al saldo a proprio carico, per ritirare il bene o godere del servizio individuato. La piattaforma web, il cui accesso avverrà sempre tramite credenziali SPID, fornirà l’elenco completo dei negozianti che aderiscono all’iniziativa.

E’ importante ricordare che dal momento della partenza della piattaforma web, presumibilmente fine agosto, per ottenere lo sconto del 60% sarà requisito indispensabile rivolgersi esclusivamente ai negozianti aderenti all’iniziativa, indicati in un elenco disponibile sulla piattaforma.

 

 

 

Condividi
Cart
Your cart is currently empty.
Contatta consulente
1
Hai bisogno di aiuto?
Hai bisogno di una consulenza?