Bonus editoria e bonus edicole

Bonus editoria: cos’è e come funziona

Il bonus editoria è un credito d’imposta pari al 30%, utilizzabile esclusivamente in compensazione, previsto dall’art. 190 decreto Rilancio e poi regolato dal DPCM 4 Agosto 2020 a beneficio delle testate digitali sul costo di server, hosting e manutenzione evolutiva.

In particolare, il credito di imposta spetta agli editori di testate digitali quotidiane o periodiche con almeno un dipendente a tempo indeterminato e si applica alle spese di acquisizione dei servizi di server, hosting e manutenzione evolutiva per le testate edite in formato digitale, nonché ai costi inerenti l’information technology di gestione della connettività.

La domanda per l’ottenimento del bonus  si potrà presentare dal 20 Ottobre al 20 Novembre al dipartimento per l’Informazione e l’editoria attraverso il portale impresainungiorno.gov.it.

Superato il tetto di spesa massima, pari a 8 milioni di euro, il dipartimento provvederà a ripartire le risorse proporzionalmente.

L’elenco degli aventi diritto verrà pubblicato entro il 31 dicembre 2020, con l’importo spettante.

 

Bonus edicole: cos’ è e come richiederlo

Si tratta di un contributo erogato una tantum e fino ad un massimo di 500 euro destinato ai titolari delle edicole

Questi i requisiti dei beneficiari:

  • Devono essere persone fisiche, anche in forma di impresa individuale
  • Il punto vendita deve occuparsi esclusivamente di rivendita di giornali e riviste (edicole, codice ATECO 47.62.10); sono esclusi invece i grandi magazzini o le librerie che vendono anche giornali.
  • Il beneficiario, ossia il titolare dell’edicola, non deve essere destinatario di reddito da lavoro dipendente o pensione.

La domanda potrà essere presentata dal 1 al 31 ottobre al dipartimento per l’Informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri, utilizzando la procedura disponibile sul portale impresainungiorno.gov.it. , la quale prevede l’inoltro di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante il possesso di tutti i predetti requisiti.

Per questa misura agevolativa il Governo ha stanziato risorse pari a 7 milioni di euro, pertanto se il numero delle domande è superiore alle risorse si procederà alla ripartizione proporzionale tra i richiedenti.

Il contributo verrà versato direttamente sul conto corrente del beneficiario, e non concorrerà alla formazione del reddito.

 

 

Avv. Annamaria Appiani

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA?

Consulenza telefonica
e consulenza via email

Ottieni una consulenza telefonica o via email da un nostro consulente qualificato quando ti è più comodo.
29
PACCHETTO BASE
Consulenza telefonica
  • 20 minuti di consulenza
  • Prenotazione online
  • Scelta del giorno e dell'orario.
  • Nessuna attesa
49
PACCHETTO BASE
Consulenza via email
  • riposte scritte
  • invio documentazione
  • Prenotazione online
  • Nessuna attesa
RICHIESTA MAGGIORI INFORMAZIONI

Richiedi un preventivo gratuito

Contattaci tramite telefono [334 1695918], email [contact@consulenza-pranzo.it] o compila il form sottostante. In breve tempo comunicheremo via email il preventivo personalizzato.